Cultura >

5 Serie TV andate in onda nel 2020 che dovreste recuperare nel 2021

Se con tanti servizi streaming vi siete persi qualche Serie TV ecco un elenco delle 5 Serie TV del 2020 che dovreste recuperare nel 2021

serie tv, i may destroy you, normal people, skam italia, club babysitter, non ho mai

Ogni volta che guardiamo una Serie TV veniamo catapultati in un altro posto. E questo è stato particolarmente vero per il 2020, un anno in cui siamo stati costretti a trascorrere lunghi periodi di tempo isolati e al chiuso. Eppure siamo potuti uscire (almeno con la fantasia) insieme a “personaggi” ancora in grado di interagire con gli altri. È stato sicuramente il modo migliore e più sicuro per viaggiare nel 2020.


Pur essendoci tanti servizi di streaming disponibili, sicuramente ci siamo persi qualche Serie TV: ecco quindi un elenco delle 5 Serie TV del 2020 che bisogna recuperare nel 2021.

5. Il Club delle Babysitter (Netflix)

Una serie TV all’apparenza “per bambini” che, in realtà, è un ottimo mix tra pedagogia e intrattenimento. La storia di 5 ragazze molto giovani che decidono di mettere insieme un club di babysitter del quartiere: una serie divertente, intelligente, commovente, ben bilanciata con lezioni davvero difficili, specialmente quando affronta storie come la razza, la salute, bambini transgender e disuguaglianza di ricchezza. Ogni lezione impatta sui personaggi a tal punto che l’insegnamento diventa non tanto morale, ma emozione.

4. Non ho mai… (Netflix)

Una serie TV gioiosa, spensierata e tuttavia inconfondibilmente appagante. Un dramma adolescenziale tipico – in cui si parla di dolore per la morte, del senso dell’amicizia, dei dubbi sull’amore, di genitori che semplicemente non capiscono – che intreccia queste tematiche a quella dell’inclusione dei figli di seconda generazione di genitori immigrati in una terra complessa come l’America. Ricordandoci che le storie si somigliano anche a distanza di chilometri.

3. Skam Italia (Netflix)

Skam Italia ha avuto il merito di raccontare i giovani italiani in un modo onesto e senza troppi fronzoli. Ogni stagione riguardava uno dei personaggi della serie e se non fosse stato per l’aiuto di Netflix ci saremmo persi l’ultima, bellissima, stagione in cui al centro vi è Sana, una diciottenne musulmana che cerca di trovare il suo equilibrio tra fede, aspettative dei genitori e la vita sociale di una tipica adolescente romana.

2. Normal People (Starzplay)

Paul Mescal e Daisy Edgar Jones interpretano i personaggi di Connell e Marianne, due giovani che navigano attraverso i difficili territori dell’amore e dell’amicizia in un modo molto intimo ed emotivamente carico. Basato sul romanzo best-seller di Sally Rooney, Normal People mette in scena il sogno e l’ambiguità delle relazioni che solo la realtà con la sua normalità, dolcezza e crudeltà è in grado di dare.

1. I May Destroy You

Creata dall’autrice e protagonista Michaela Coel, questa serie racconta di Arabella, una scrittrice che viene drogata e violentata in un bar, ma che non ricorda l’identità del suo stupratore. Ciò che la rende una serie straordinaria è la mancanza di certezza che domina l’esistenza di Arabella, proprio come accade a tante vittime nella realtà, e che si fa sentire fino al finale in cui si comprende che bisogna lasciare alle vittime di capire il proprio percorso verso la pace. Per quanto pesante possa essere tutto questo argomento, I May Destroy You contiene umorismo e un’energia molto positiva.

I servizi di streaming quest’anno sono diventati i nostri compagni più intimi e ci hanno fatto comprendere l’importanza di avere una rete internet stabile e veloce, fondamentale per svagarci (e, per tanti di noi, per lavorare!). Gli operatori internet tra cui scegliere sono ormai quasi infiniti, se però abitate in una zona con scarsa copertura (ad esempio se vivete in un paesino di montagna) vi consiglio di dare un’occhiata alle offerte internet casa di Eolo, operatore italiano che porta internet via radio dove altri non arrivano.

Ora non resta che sedersi sul divano e guardare una di queste Serie TV con una rete veloce, stabile e disponibile per tutti.

Potrebbe interessarti anche

Comments