Cultura >

Vincenzo De Luca che chiama i runner “vecchi cinghialoni” non fa ridere

Chiamare le persone grasse “vecchi cinghialoni” è un insulto, non una battuta, perchè nessuno può decidere chi può fare e chi non può fare attivisità fisica

 


Durante questa quarantena abbiamo imparato a conoscere Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, per la sua veemenza nel diffondere le direttive per rispondere a questa tragedia.

Quello che però è successo qualche giorno fa va ben oltre. Nel parlare della questione di quei runner che, ancora prima dell’inizio della Fase 2, hanno cominciato a fare attività fisica non mantenendo una distanza di sicurezza e senza mascherine, Vincenzo De Luca ha pensato bene che, invece di far comprendere che cosa ci fosse di sbagliato nel loro atteggiamento, fosse più utile denigrare le persone utilizzano una serie di termini e concetti che non hanno assolutamente motivo di esistere, anche se una persona si sta comportando in maniera errata.

Le sue parole sono state:

Ora, SE VOGLIAMO FARCI UNA RISATA, non dovete immaginare che vadano a fare footing le immagini della pubblicità televisiva. Quelle BELLE RAGAZZE TONICHE con i fuseaux aderenti. QUELLE TI RICONCILIANO CON LA NATURA. Io ho trovato VECCHI CINGHIALONI della mia età che andavano a correre, senza mascherina […] questi andrebbero arrestati per OLTRAGGIO AL PUDORE.

Cosa c’entreranno mai questi affermazioni con il fatto che i corridori vadano in giro senza seguire le giuste regole?

vecchi cinghialoni, runner

Photo by Thomas Biasetto on Unsplash

Le donne viste come piacere

Bisogna smettere di guardare alle donne in maniera sessista e oggettivante. Le “belle ragazze toniche” che fanno footing e che, a detta di De Luca, “ti riconciliano con la natura” sono donne che stanno semplicemente facendo footing. Non solo lì per il divertimento e il piacere degli occhi di nessuno e nessuno può permettersi anche solo di pensarlo.

Sapete quante ragazze a causa di questo modo predatorio di vederle hanno paura nel mettersi un pantaloncino corto per andare a correre? Sapete quante non vanno a fare footing con l’imbarazzo che qualcuno possano suonarle col clacson o per paura di commenti inappropriati o nei casi peggiori per delle molestie?

vecchi cinghialoni, runner

I vecchi cinghialoni

Chiamare le persone grasse “vecchi cinghialoni” è un insulto, non una battuta.

Una persona a cui viene detto di dover dimagrire attraverso l’attività fisica, quando decide di farlo, non può sentirsi dire  cinghialone! Perchè bisogna fare body shaming proprio contro persone che ne hanno più bisogno, che hanno sì una colpa nel modo di comportarsi, ma non nel modo in cui sono fatti?

Nessuno può permettersi di denigrare le persone che stanno sbagliando con qualcosa che non c’entra niente: come uno si vesta per fare footing o che non abbia un fisico perfetto come una pubblicità non può essere sottolineato come fosse un problema e utilizzarlo come insulto.

Esistono una varietà di corpi che fanno attività fisica e non ci si può permettere di discriminare le persone decidendo chi può permettersi o no di farla.

Bisogna smetterla con questi modi di porsi, di queste “battute” che fanno ridere solo le persone a cui certi commenti non sono rivolti e non riguardano. Alle persone grasse non interessa della volontà di chi vuole farsi una risata a loro discapito.

Potrebbe interessarti anche

Comments